Katia Figini – Adventurer

Interview by Maria E. Bellini

We chat to top Italian athlete Katia Figini, who in Italy is often referred to as the “Desert Queen” due to the fact that she’s successfully raced in plenty of deserts worldwide. Katia, a trail running and natural running instructor, as well as a certified sports coach, currently lives and works in Piedmont, in the hilly Tortona area, where she runs Sports Associations: PerCorsi and Azalai.

Italy on Trail: Katia,you’ve participated in races worldwide. Can you sum up the places that have made a lasting impression on you?

Katia Figini: That’s quite difficult!

I’d say that every desert or place where I’ve run has claimed a piece of my heart: the magnificent Wadi Rum in Jordan, with its dunes and incredible canyons… in Namibia, which had the wildest desert I’ve ever seen and where I was lucky to run alongside antelopes and zebras.

Racing in the Atacama desert
Racing in the Atacama desert – Chile

Then there’s Oman, with its shockingly fine, red sand; or the Sahara, where I saw the skeleton of a 30-million-year-old whaleBolivia, and its salt pan at 3600 meters (11800 feet) above sea level; the Atacama in Chile, with the most arid desert in the world, where I ran at an altitude of 4400mt (14400-ft)!

Katia in Jordan
Katia racing in Jordan

Not to mention Mali, where the Dogon tribe hosted me in their mud and straw huts… the Australian Blue Mountains, blue due to the thousands of eucalyptus trees growing there. Powerful America and its Grand Canyon; the Colorado woods. The jungle and the white beaches of Santo Domingo… I could go on for hours recalling some fantastic moments

And what about Italy?

Italians are very possessive regarding their homeland! Something I’m often asked is, have I travelled around Italy? I love exploring the world but I also adore my home country. Fortunately I’ve visited most parts of Italy because I was lucky enough to grow up with parents who loved to travel (they still travel in a campervan to this very day!).

Katia loves to travel but relishes her home in the Piedmont countryside
Katia loves to travel but relishes her home in the Piedmont countryside!

I’ve taken part in so many trail running races, marathons, and Ultras,  that I’d struggle to choose the areas I liked best. I love the Dolomites, they are such stunning mountains and I find them more “runnable” than the Alps in the Aosta Valley; I also love Sardinia and Sicily… Just this year I had the chance to run on the snow-capped Etna, and through hundred year old olive groves in Apulia.

I ran a fantastic race that will I’l be doing again in 2018 the ALVI trail: 400 km in 8 days, following the high trail route “Alta Via Ligure” in Liguria, which runs the entire length of the region. So yes, every year I try to enjoy a few Italian trail adventures too.

You live in Tortona in Piedmont, but are originally from Milan: what pushed you to move, and what makes Tortona and its surroundings so special for you?

The beauty of running is that it allows you to discover places and situations that you’d never have imagined. Thanks to running, I came across lovely Tortona.

Sarezzano - Tortona
Sarezzano – Tortona

Who would’ve thought that just a stone’s throw away from Milan could be such an amazing place! It was love at first sight: I’d already wanted to move away from Milan to a place where there was clean air and where I could be surrounded by nature, but I wasn’t sure where to go.

The hills around Tortona
The hills around Tortona

I adore Tuscany but it was too far away; I still wanted to be close to my parents and friends… In the end I found that the hills around Tortona were quite similar to those in Tuscany, only they were only 45 minutes from Milan and 45’ from the sea… There’s also a Long Distance Path across the hills and mountains connecting Tortona and Piedmont to the sea… Fantastic!

Tell us about Azalai, your Sports Organization?

We set up “Azalai”  in 2010. We named it after the ancient salt caravan route taken by the Tuareg people. To cross the Ténéré desert means a 40-day trip from the salt mines to the ocean, so a common goal and respect for the surrounding environment are fundamental. This has in a way been our inspiration.

The Azalai organization fosters very specific values: friendship, community spirit, passion for sports, and raising awareness of our surrounding areas. We organize hiking tours and events for families and pets, as well as competitive/non-competitive races.

Maintaining local trails
Maintaining local trails

We keep the trails clean, and meet up once a week to run together and explore new trails and routes. Inevitably our training sessions often end with everyone around a table with a glass of good wine, the specialty here is the Timorasso, a truly unique white wine, fruity and succulent!

You’re doing a great job in promoting the territory through research, identification, and way marking the trails: can you tell us more about this?

With the help of the Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, and sponsors that believe in Azalai, we’ve mapped out several permanent trails routes available for runners, sports enthusiasts, families and mountain bikers…

One of our trails has even been recognized by CAI (the leading Italian alpine club), and we are extremely proud of this. The hills, landscape and views here are truly marvellous, and one of Azalai’s aims is to grow its running and walking groups to enable more people to enjoy the surrounding countryside.

Mapping out new trails
Mapping out new trails

After training hard we also like to replenish all energy with some of the excellent local traditional fare, like agnolotti – the local dumplingsstuffed with braised meat, and good wine!

Whoever wishes to get in touch with us and join us for a run or walk can drop us an e-mail to xcorsi@xcorsi.eu or visit the website www.azalai.bio, which also including GPS coordinates of the routes.

Katia on her victory in the Grand to Grand Ultra 2013
Katia on her victory in the Grand to Grand Ultra 2013
In the past you’ve also been at the forefront of projects and charities  related to the environment and also towards ending violence towards women. What’s coming up in the future? 

Since 2010 all my projects have been dedicated to the female victims of violence. I’ve always raced bringing this message with me: Say NO to violence against women. This year, in cooperation with Ferrino, we set up a magnificent team of 4 women – that have run, and will keep on running together, perseveringly and passionately.
I’d like to tie this in with at least one desert race and a few races here in Italy, but then again, there are so many projects in the pipeline, so to find out more you’ll just have to stay tuned! 😉

Italian version

Katia Figini, Puoi farci un riassunto dei sentieri, percorsi di gara, o luoghi che ti hanno più emozionata in giro per il mondo?

E’ molto difficile riuscire a fare una scelta sui posti più belli. Ogni deserto o luogo in cui ho corso devo dire che mi hanno lasciato qualcosa nel cuore: il magnifico deserto della Giordania, con dune di svariati colori e splendidi canyon mi ha fatto sognare, poi penso alla Namibia, il deserto più selvaggio che io abbia mai visto, dove ho corso con antilopi, zebre selvagge e dove ho ammirato il secondo canyon più grande al mondo. E ancora l’Oman dalla sabbia rossa e fine fine, il Sahara dove ho visto lo scheletro di una balena risalente 30 milioni di anni fa… La Bolivia e il suo deserto salato a 3600 metri di quota, l’Atacama (Cile) il deserto più arido del mondo dove ho corso anche a 4400 di quota e i suoi laghi salati e vulcani attivi svettano a 6000 metri. Per non parlare poi del Mali e della tribù Dogoon che ci accolto nelle loro case di fango e paglia, Le Blue Mountains australiane che acquisiscono un colore blu grazie ai milioni di eucalipto che le popolano. La possente America e il suo Grand Canyon, le foreste del Colorado. La giungla e le spiagge bianche di Santo Domingo… Potrei andare avanti ore a ricordare e rivivere momenti così fantastici…

Invece quelli in Italia?

li Italiani sono molto gelosi della propria terra… Se giri il mondo una cosa che spesso dicono è: si va beh, ma l’Italia l’hai attraversata? Mi piace girare il mondo ma mi piace anche la mia terra, ovvio. Ho girato tanto l’Italia perché ho avuto la fortuna di avere dei genitori girovaghi (tuttora vanno sempre in giro con il camper) che mi hanno fatto visitare tanta Italia. Inoltre ho fatto anche un po’ di gare e non saprei scegliere la più bella. Amo molto le Dolomiti, sono montagne splendide e più corribili che quelle della Val d’Aosta; amo anche la Sardegna, la Sicilia. Proprio quest’anno ho avuto la fortuna di correre sull’Etna innevato e in mezzo a ulivi secolari pugliesi… Ho corso una gara splendida che rifarà nel 2018 (ALVI trail): 400 km in 8 giorni seguendo tutta l’alta via ligure e attraversando tutta questa splendida regione. Insomma ogni anno cerco di godermi anche qualche bella avventura Italiana.

Abiti a Tortona, (ma sei Milanese, giusto?) cosa ti ha spinto a trasferirti e cosa rende Tortona e dintorni speciale per te?

Il bello della corsa è che ti fa trovare in posti e situazioni che mai avresti creduto. Proprio grazie alla corsa, per diversi motivi, ho scoperto le colline del Tortonese: pochi km da Milano e guarda che meraviglia, non lo avrei mai detto! E’ stato un amore a prima vista; volevo già andare via da Milano per avere intorno a me natura e aria pulita, ma non sapevo esattamente dove. Adoro la Toscana ma mi era troppo lontana, volevo stare in qualche modo vicino ai miei genitori e ai miei amici… Alla fine ho scoperto che queste nostre colline sono davvero molto simili alla Toscana con la differenza che sono a 45’ da Milano e a 45’ dal mare… Anzi, esiste pure un sentiero tutto sterrato e in mezzo alle colline/montagne che collega Tortona al mare… Fantastico!

Raccontaci il mondo della tua Associazione Sportiva, da quanto tempo c’é? Siete in tanti? Organizzate gare?

Azalai nasce nel 2010 e trae il proprio nome dalle Carovane del Sale del Popolo Tuareg. Carovana che si ripete da tempo immemorabile. Per attraversare il Deserto del Tenerè, un viaggio di 40 giorni dalle miniere di sale all’Oceano, servono condivisione dell’obbiettivo tra i componenti e rispetto per l’ambiente che si attraversa. Questo è stata un po’ la nostra ispirazione. L’associazione Azalai porta avanti dei valori ben precisi: amicizia, condivisione, passione per lo sport e rivalutazione del territorio. Organizziamo trekking per famiglie, amici a 4 zampe e gare competitive (e non). Teniamo puliti i sentieri e ogni settimana ci troviamo per correre insieme e scoprire nuovi percorsi e tracciati. Ovviamente spesso l’allenamento finisce con le gambe sotto il tavolo assaporando del buon vino (Qui abbiamo il Timorasso, un vino banco davvero particolare, fruttato e buonissimo!)

State facendo un grosso lavoro sulla promozione del territorio con ricerca, individuazione e segnalazione di percorsi, ci puoi raccontare qualcosa su questo?

Grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, agli sponsor che credono in Azalai, alla passione della nostra squadra abbiamo creato una mappa e abbiamo tracciato dei sentieri fissi fruibili a sportivi, famiglie, ciclisti… Uno dei sentieri è anche stato marchiato CAI e ne siamo davvero orgogliosi. Le nostre colline sono splendide e poco considerate; credo che le foto parlino da sole… Inoltre io sono Istruttore di Trail Running e Istruttore di corsa naturale (oltre che coach sportivo) e uno dei sogni di Azalai è proprio creare un bacino di utenza da portare a correre/camminare sulle nostre colline. Dopo l’allenamento ovviamente passeremmo all’allenamento delle mandibole: pranzi tipici (tra cui agnolotti di brasato) e buon vino! Per chiunque voglia conoscerci e venire a correre nelle nostre colline basta scrivere a scorsi@xcorsi.eu oppure visitare il sito www.azalai.bio dove è possibile anche scaricare le tracce gps dei percorsi.

Progetti per il futuro/ in cantiere?

Dal 2010 tutti i miei progetti e vittorie sono dedicati alle donne che subiscono violenza. Ho sempre corso portando con me questo messaggio sociale: NO alla violenza sulle donne. Quest’anno, insieme a Ferrino, abbiamo creato uno splendido team di 4 donne che corrono e correranno insieme con tenacia e passione. In questi giorni ho proprio un incontro con Ferrino per stabilire i nostri prossimi traguardi. In ogni caso mi piacerebbe fare almeno un deserto e qualche gara sulle nostre belle montagne (89/100 km) ma “never mind”… Ci sono tante cose in cantiere e per scoprirle tutte dovete stare connessi 😉


Maria E. BelliniMaria Elisabetta Bellini is Italyontrail.com’s founder, born in the U.K, she came to running whilst living in Italy, where she still lives and trains. Never ceasing to marvel at what’s at the summit of a hill, or around the bend along the trail, she loves using trail running as a means to explore nature, contemplation and Italy.

print