Ben Mounsey – Discovering Italy

cover img courtesy of Dave Macfarlane http://dmtwo.media/

Ben Mounsey has raced in some pretty amazing places, and participated in many epic events in recent years, having gained some great achievements, representing both Yorkshire, England and Great Britain at numerous European and International mountain running events.

Ben runs for the Calder Valley Fell Runners and Stainland Lions, and is supported by Inov-8, Mountain Fuel, Suunto and Back To Fitness Physiotherapy.
  An avid blogger, Ben keeps us entertained at benmounsey.net where, amongst other things, he recounts his lively adventures in this, the oddball world of mountain running, along with his adventures in Italy.

We were curious to find out what inspires the Yorkshire fell-runner about the ‘bel paese’ itself, and also to get Ben’s angle on his mountain running experiences in Italy.

In 2017 Ben competed in the FlettaTRAIL Malonno and PizTri Vertikal as part of Team GB, took to the trails at the 3 Rifugi relay, and placed first in the Tartufo Trail in Parma. In 2016 Ben was in Italy again for the Stellina race -World Mountain Running Masters Championships, the 3Rifugi relay, and in the spur of the moment even participated in the Night Trail Praia San Domenico in Amalfi – which he won!

img courtesy of Ben Mounsey - Collina Tre Rifugi
img courtesy of Ben Mounsey – Collina Tre Rifugi

Racing in Italy

Ben, which have been your most memorable races in Italy and why?

Every race in Italy is special for me. It’s my favourite country and I like to travel around to compete in different trail and mountain races. It helps me to discover new parts of Italy, enjoy the beautiful scenery and to meet like-minded people.

I have a special affinity for the Amalfi coast, so for this reason I will always return every year to run on the trails and spend time with my friends. Also, Staffetta Tre Rifugi in Collina, the FlettaTrail in Malonno and Trofeo Vanoni in Morbegno are among my favourite races. The hospitality of the race organisers is nothing short of amazing. Especially my good friend Tony Tamussin, who lives in Collina. We text each other almost every day, usually about Lazio or mountain running!

You can read about Ben’s Italian adventures here…

Trofeo Vanoni – Night Trail Praia San Domenico  – Staffetta Tre Rifugi – Stellina Race – FlettaTrail

img courtesy of Ben Mounsey - Ruperts Trail, Amalfi
img courtesy of Ben Mounsey – Ruperts Trail, Amalfi
Italian Mountain races and UK Fell races – quite different worlds!? But, are there any similarities?

The only real similarity is that the races in both countries are extremely challenging. The standard of competition is very high, especially in Italy, as you have best mountain runners in the world. However, in most respects they are very different and I enjoy competing in both countries because of this contrast.

Whilst racing in Italy, do you get the chance to stop at the refreshment points along route – they can be ‘dangerously tempting’ on longer routes?

I always stop at refreshment points in Italy, because I’m English and not used to the warm weather! 😉 I sometimes feel very dehydrated during the races, especially in the Summer months, so I always carry emergency water in my bag – just in case I need it! I prefer speed to distance (anything less than 20 miles), so I can usually just about make it to the finish if there aren’t any refreshment points.

Italy can get pretty hot throughout the summer months. Even high up in the mountains. How do you manage the heat, on the trails?

For me, it’s the biggest challenge I face when I run abroad. I remember when I competed in the Stellina race in Susa for the World Masters Mountain Running Championship 2016. Most of the route is very exposed, without much protection from the sun. I was very dehydrated at the end and happy to see the finish line. I felt exactly the same when I raced in Praiano, on the Amalfi Coast, for the Night Trail Praia San Domenico. Despite the fact that the race began in the evening, I was very hot (even after the sun went down) and remember crawling up the last few sets of steps towards the finish.

img courtesy of Dave Macfarlane http://dmtwo.media/ - Fell Running, Lake District
img courtesy of Dave Macfarlane http://dmtwo.media/ – Fell Running, Lake District
Ben, how do you find terrain here in Italy… in comparison to UK?

In the UK, the terrain is extremely diverse, a mixture of mud, grass, rock, trail and usually always wet and boggy. I much prefer the terrain in Italy. It’s typically drier, rockier and much faster to race on compared to the UK. There are also many more steps! After I race in Italy I always go to bed and dream of steps! Or nightmares – depending on the race!

Have you ever got lost on the Italian trails, either in a race or whilst when going for a run by yourself?

Yes, many times! Mostly, during races, when I’m running at speed and miss a flag or some tape by accident. In December 2017, I competed in Rupert’s Trail, Amalfi. Near the end of the race I took a wrong turn and ran up a set of steps which led to a dead end and somebody’s front door! I had a comfortable lead in the last kilometre, but at the finish I only just managed to win by a few seconds – I was very lucky!

When I train in Italy, I usually run with my friends (the locals). This stops me from getting lost but also I get to see the very best sights and surroundings. My good friend, Leonardo Mansi, a trail runner from Ravello, has shown me some of the best trails on the Amalfi Coast and for this I am eternally grateful to him.

img courtesy of Ben Mounsey Team GB World Mountain Running Championship 2015
img courtesy of Gwynfor James http://sportpicturescymru.co.uk/  Team GB World Mountain Running Championship 2015

Italy – the country

How and when did your love for Italy come to be, and do you speak Italian?

I have always marvelled at the beauty of Italy, but my passion intensified when I began to visit more frequently about 5 years ago. Since then, I’ve never looked back! Now I spend around 2 months a year (collectively) in Italy and try to return at every given opportunity.

Since my first visit, I have been slowly trying to learn the language. I think it’s very important that I try and make an effort to speak Italian, so most days I listen to audio guides when I’m driving to work. My basic Italian is good, but I have much still to learn! The trouble for me is that most of my Italian friends speak perfect English, so it’s usually easier to converse in my own language.

Tell us a bit about what gets you excited about Italy?! Which are your favourite parts?

Everything excites me about Italy! The weather, the food, the culture, the mountains, the cities, the landscape, the fashion, the language and of course the people. I could write a book on all the things I love about Italy. My favourite city is Rome. I support Lazio and I’m fascinated by the history of the capital. I remember the first time I saw the Colosseum and it took my breath away. I had a similar experience when I first saw the Duomo in Florence. As an Art teacher, I have a real appreciation of the art, architecture and culture of Italy. There is nowhere else in the world that compares.

Of course, my favourite places in Italy are where I’ve had the best running experiences. Valtellina, Collina, Malonno, Parma, but most of all the Amalfi coast. It’s a very special place and where I feel most at home.

And Ben… what’s your favourite aperitivo?

This is an easy answer…Aperol Spritz. I drink it more than water! 😉

When you’re not racing or out on the trails, how do you spend your time?

I have a VW campervan so most weekends I drive to different parts of the UK to train and compete in races. I enjoy travelling, photography and writing about my running adventures. Last year I visited 12 different countries!

I also spend lots of my time promoting inov-8, my main sponsors in England.

img courtesy of Ben Mounsey - Team inov8
img courtesy of Ben Mounsey – Team inov8

Fell Running in the UK

Can you name a few of your favourite Fell races and several that you’d recommend to anyone form Europe who’s never entered a Fell race, but would like to give it a shot? 

On that note… what would we have to learn to be passable at a Fell race. Is it ‘just’ navigation?

Fell running is traditionally a British sport, very unique and specialist. It is best explained here, in my blog

My favourite fell races are in the Lake District, the home of fell running. These include Blencathra, the Langdale Horseshoe and Coniston. The full UK racing calendar is available here. 

If anyone in Italy is reading this and interested in trying a fell race, then there are few things you will need to know.

Firstly, it’s compulsory to carry full kit during a race. This consists of a bum bag (or race vest), which includes a waterproof jacket and trousers (both with taped seams), some food, a hat, gloves, a whistle, a map and a compass for navigating. If you don’t carry this mandatory kit then you would be disqualified and forced to serve a racing ban. If the weather is poor (which it usually is in England) then you have to be able to navigate, even if a race is fully marked and flagged.

Most of the routes are very exposed so there is an increased risk of injury, illness or even fatality. The conditions and terrain are very different to European races. Trails and tracks don’t always exist and they aren’t always easy to follow. As you can imagine, I get lost in races very often!

And finally – where would you like to be in ten years from now?

My heart belongs in the bel paese and it’s where I ultimately want to be. I think (and I hope!) that I will move to Italy in the next few years. I will certainly still be running and enjoying many more new and exciting adventures. I just need to find a job and somewhere to live! Any offers for both would be greatly appreciated 🙂

Follow Ben: Facebook | Twitter | Strava | Instagram | Flickr


Maria E. BelliniMaria Elisabetta Bellini is Italyontrail.com’s founder, born in the U.K, she came to running whilst living in Italy, where she still lives and trains. Never ceasing to marvel at what’s at the summit of a hill, or around the bend along the trail, she loves using trail running as a means to explore nature, contemplation and Italy.

 

 

Ben Mounsey – Alla Scoperta dell’Italia

Ben Mounsey ha corso in posti meravigliosi, ha partecipato a molti eventi epici e ha ottenuto alcuni grandi successi, rappresentando sia lo Yorkshire, l’Inghilterra che la Gran Bretagna in numerose gare di sky e trail sulle montagne europee ed internazionali.

Ben corre per il Calder Valley Fell Runners e Stainland Lions ed è sostenuto da Inov-8, Mountain Fuel, Suunto e Back To Fitness Physiotherapy. Ha un blog –  benmounsey.net dove, tra le altre cose, racconta le sue avventure in questo ‘pazzo’ mondo della corsa in montagna, insieme alle sue avventure in Italia.

Eravamo curiosi di scoprire che cosa ispirasse il Fell-Runner dallo Yorkshire, e il perché del suo amore per il “bel paese”. Proprio l’anno scorso, Ben ha gareggiato nel FlettaTRAIL Malonno e nel PizTri Vertikal come parte del Team GB, è sceso sui sentieri della Staffetta 3 Rifugi e si è piazzato primo nel Tartufo Trail a Parma. Nel 2016 Ben era di nuovo in Italia per la gara Stellina – World Mountain Running Masters Championship, la Staffetta 3Rifugi, e ha anche partecipato al Night Trail Praia San Domenico ad Amalfi – che ha vinto!

Le corse in Italia

Ben, quali sono state le tue gare più memorabili in Italia e perché?

Ogni gara in Italia è speciale per me. È il mio paese preferito e mi piace viaggiare per competere in diverse corse e gare di montagna. Mi aiuta a scoprire nuove parti d’Italia, a godermi gli splendidi paesaggi e ad incontrare persone che la pensano allo stesso modo. Ho una particolare affinità con la costiera amalfitana, quindi per questo motivo tornerò sempre ogni anno a correre sui sentieri e passare il tempo con i miei amici.

Anche la Staffetta Tre Rifugi in Collina, FlettaTrail a Malonno e Trofeo Vanoni a Morbegno sono tra le mie corse preferite. L’ospitalità degli organizzatori della gara è a dir poco sorprendente. Soprattutto il mio buon amico Tony Tamussin, che vive a Collina. Ci scambiamo messaggi quasi ogni giorno, di solito sul Lazio o sulla corsa in montagna!

Puoi leggere le avventure italiane di Ben qui …

Trofeo Vanoni  –  Night Trail Praia San Domenico  – Staffetta Tre Rifugi  –  Stellina Race  – FlettaTrail

Le gare di montagna italiane e le gare inglesi di Fell Running – mondi completamente diversi !? Ma ci sono delle somiglianze?

L’unica vera somiglianza è che le gare in entrambi i paesi sono estremamente impegnative. Il livello di concorrenza è molto alto, specialmente in Italia, poiché ci sono i migliori corridori di montagna del mondo. Tuttavia, per molti aspetti sono molto diversi e mi piace competere in entrambi i paesi a causa di questo contrasto.

Quando corri in Italia, hai la possibilità di fermarti ai ristori lungo il percorso…. che possono ‘tentare pericolosamente’ (per le bontà)… come ti comporti?

Mi fermo sempre ai punti di ristoro in Italia, perché sono inglese e non sono abituato al clima caldo! 😉 A volte mi sento molto disidratato durante le gare, specialmente nei mesi estivi, quindi porto sempre l’acqua d’emergenza nella borsa, nel caso ne abbia bisogno! Preferisco la velocità alla distanza (meno di 20 miglia/32km), quindi di solito riesco a raggiungere il traguardo se non ci sono punti di ristoro.

L’Italia può diventare piuttosto calda durante i mesi estivi. Anche in alta montagna. Come gestisci il caldo, sui sentieri?

Per me, è la più grande sfida che affronto quando corro all’estero. Ricordo quando partecipai alla Stellina a Susa per il World Masters Mountain Running Championship 2016. La maggior parte del percorso è molto esposta, senza molta protezione dal sole. Alla fine ero molto disidratato e felice di vedere il traguardo. Mi sentivo esattamente la stessa cosa quando ho corso a Praiano, in Costiera Amalfitana, per il Night Trail Praia San Domenico. Nonostante il fatto della partenza serale, c’era molto caldo (anche dopo che il sole era tramontato) e ricordo di aver strisciato per le ultime serie di gradini verso il traguardo.

Come trovi il terreno qui in Italia … rispetto al Regno Unito?

Nel Regno Unito, il terreno è estremamente vario, una miscela di fango, erba, roccia, pista e di solito sempre bagnato e paludoso. Preferisco di gran lunga il terreno in Italia. Di solito è più secco, più roccioso e sassoso e molto più veloce da gareggiare rispetto al Regno Unito. Ci sono anche molti scalini! Dopo alcune corse in Italia, vado a letto e sogno le scale! O incubi – a seconda della gara!

Ti sei mai perso sui sentieri in Italia, in una gara o mentre vai a correre da solo?

Sì Molte volte! Principalmente, durante le gare, quando corro veloce e mi manca una balise o una freccia per sbaglio. A dicembre 2017, ho partecipato a Rupert’s Trail, Amalfi. Verso la fine della gara ho preso una svolta sbagliata e ho corso su una serie di gradini che hanno portato a un vicolo cieco e alla porta di casa di qualcuno! Ero anche in vantaggio nell’ultimo chilometro, ma alla fine sono riuscito a vincere solo per pochi secondi – sono stato molto fortunato!

Quando mi alleno in Italia, di solito corro con i miei amici (la gente del posto). Questo mi impedisce di perdermi, e riesco anche a vedere i migliori panorami e i dintorni. Il mio buon amico, Leonardo Mansi, un trail runner di Ravello, mi ha mostrato alcuni dei migliori sentieri della Costiera Amalfitana e per questo gli sono eternamente grato.

L’Italia: il Paese

Come e quando è nato il tuo amore per l’Italia, e parli l’italiano?

Mi sono sempre meravigliato della bellezza dell’Italia, ma la mia passione si è intensificata quando ho iniziato a visitarla più spesso circa 5 anni fa. Da allora, non mi sono mai guardato indietro! Ora trascorro circa 2 mesi all’anno (complessivamente) in Italia e cerco di tornare ad ogni occasione.

Dalla mia prima visita, ho cercato lentamente di imparare la lingua. Penso che sia molto importante provare e sforzarmi di parlare italiano, quindi quasi tutti i giorni ascolto le audioguide mentre vado al lavoro. Il mio italiano di base è buono, ma ho ancora molto da imparare! Il problema per me è che la maggior parte dei miei amici italiani parla un inglese perfetto, quindi di solito è più facile conversare nella mia lingua.

Cosa ti appassiona dell’Italia ?! Quali sono i tuoi posti in Italia?

Tutto mi entusiasma per l’Italia! Il tempo, il cibo, la cultura, le montagne, le città, il paesaggio, la moda, la lingua e, naturalmente, le persone. Potrei scrivere un libro su tutte le cose che amo dell’Italia. La mia città preferita è Roma. Tifo Lazio e sono affascinato dalla storia della capitale. Ricordo la prima volta che vidi il Colosseo e mi tolse il respiro. Ho avuto un’esperienza simile quando ho visto per la prima volta il Duomo di Firenze. Come insegnante d’arte, ho un vero apprezzamento dell’arte, dell’architettura e della cultura italiana. Non c’è nessun altro posto al mondo a cui paragonare.

Certo, i miei posti preferiti in Italia sono dove ho avuto le migliori esperienze di corsa. Valtellina, Collina, Malonno, Parma, ma soprattutto la costiera amalfitana. È un posto molto speciale e dove mi sento più a casa.

Qual è il tuo aperitivo preferito?

Questa è una risposta facile … Aperol Spritz. Lo bevo più dell’acqua! 😉

Quando non corri o esci sui sentieri, come passi il tuo tempo?

Ho un camper VW, così tanti fine settimana giro in diverse parti del Regno Unito per allenarmi e partecipare alle gare. Mi piace viaggiare, fotografare e scrivere delle mie avventure in corsa. L’anno scorso ho visitato 12 paesi diversi!

Passo anche molto tempo a promuovere inov-8, i miei principali sponsor in Inghilterra.

Fell Running nel Regno Unito

Puoi dirci alcune delle tue gare preferite di Fell Running, e alcune che consiglieresti a chiunque che non ha mai partecipato ad una gara Fell? E  cosa dovremmo imparare per essere ‘discreti’ in una gara di Fell. È “solo” l’orientamento?

Fell running è tradizionalmente uno sport britannico, davvero unico e specializzato. È meglio spiegato qui, nel mio blog … Guida al Fell Running  (in Inglese)

Le mie corse preferite sono nel Lake District, la casa del Fell Running. Questi includono Blencathra, il Langdale Horseshoe e Coniston. Il calendario completo delle corse nel Regno Unito è disponibile qui.

Se qualcuno in Italia sta leggendo questo ed è interessato a provare una Fell Race, allora ci sono alcune cose che devi sapere.

In primo luogo, è obbligatorio portare il kit completo durante una gara. Si tratta di un marsupio (o zaino da gara), che include una giacca impermeabile e pantaloni (entrambi con cuciture nastrate), un po ‘di cibo, un cappello, guanti, un fischietto, una mappa e una bussola per la navigazione.

Se non porti questo kit obbligatorio, verrai squalificato. Se il tempo è scarso (che di solito è in Inghilterra), devi essere in grado di navigare, anche se la gara è completamente segnata. La maggior parte dei percorsi sono molto esposti, quindi aumenta il rischio di lesioni, infortuni o addirittura fatalità. Le condizioni e il terreno sono molto diversi dalle gare europee. Sentieri o piste non sempre esistono e non sono sempre sono facili da seguire. Come puoi immaginare, mi perdo molto spesso nelle corse!

E infine – dove vorresti essere tra dieci anni?

Il mio cuore appartiene al bel paese ed è dove voglio essere in futuro. Penso (e spero!) che mi trasferirò in Italia nei prossimi anni. Certamente sarò ancora in corsa e mi godrò molte altre avventure nuove ed eccitanti. Ho solo bisogno di trovare un lavoro e un posto dove vivere! Qualsiasi offerta per entrambi sarebbe molto apprezzata 🙂

Segui Ben: Facebook | Twitter | Strava | Instagram | Flickr

print